• Studio iSOS

Trattamento Manipolativo Osteopatico in soggetti con Vertigini e Disfunzione Somatica




C'è una scarsità di ricerche che valutano l'efficacia del trattamento manipolativo osteopatico (OMT) nei pazienti con vertigini. L'obiettivo che gli autori di questo abstract si sono posti era quello di valutare la fattibilità di condurre uno studio randomizzato e controllato che confronti l'OMT e la terapia di riabilitazione vestibolare (VRT), da sole o in combinazione, in pazienti con vertigini e disfunzione somatica.



Metodi

I volontari con vertigini a cui è stata anche diagnosticata una disfunzione somatica (SD) sono stati arruolati prospetticamente in uno studio di coorte comparativo controllato, randomizzato e in cieco e assegnati a 1 di 4 gruppi: solo OMT, solo VRT, una combinazione di OMT e VRT ( OMT / VRT) o un gruppo di controllo non intervento. I partecipanti di età compresa tra 18 e 79 anni sono stati inclusi se avevano manifestato sintomi di vertigini per almeno 3 mesi di durata, dimostrato disfunzione somatica e potevano partecipare ai test di posturografia dinamica computerizzata (CDP) e tollerare la terapia manuale e gli esercizi. Un totale di 3 trattamenti della durata di 45 minuti ciascuno sono stati somministrati a una settimana di distanza a ciascun partecipante. L'OMT in questo studio consisteva in counterstrain, rilascio miofasciale, tensione legamentosa bilanciata, tessuti molli, HVLA e tecniche articolatorie. Sono stati effettuati confronti tra i punteggi compositi (CS) valutati con posturografia dinamica computerizzata (CDP), inventario degli handicap delle vertigini (DHI), valutazione optometrica ed esami strutturali osteopatici raccolti prima del primo trattamento, dopo il terzo / ultimo trattamento e 3 mesi dopo il trattamento finale. (ClinicalTrials.gov NCT01529151).



Risultati

Un totale di 23 pazienti sono stati inclusi nello studio: 7 nel gruppo OMT, 5 nel gruppo VRT, 6 nel gruppo OMT / VRT e 5 nel gruppo di controllo. Il gruppo OMT / VRT ha dimostrato un miglioramento significativo nel punteggio DHI (P = 0,0284) e CS (P = 0,0475) tra le misure pre e 3 mesi post-trattamento. Per la gravità totale, i miglioramenti sono stati significativi nel gruppo OMT sia dal pretrattamento alle misure immediatamente successive al trattamento (P = .0114) sia dal pretrattamento alle misure post-trattamento a 3 mesi (P = .0233). C'era una differenza statistica tra i gruppi OMT e di controllo dal pretrattamento ai punteggi DHI post-trattamento a 3 mesi (P = .0332). Inoltre, c'era una differenza statistica nel punteggio DHI tra VRT e controllo dai punteggi pre- a 3 mesi post-trattamento (P = .0338). OMT / VRT ha migliorato statisticamente e clinicamente l'acuità visiva negli occhi destri dei pazienti dal pre al post trattamento (P = .0325). In tutti i partecipanti, la disfunzione della vergenza era prevalente (5; 21,7%) oltre all'eteroforia verticale (15; 65,2%).



Conclusione

Una combinazione di OMT e VRT ha ridotto significativamente le vertigini e migliorato l'equilibrio 3 mesi dopo il trattamento (P <0,05). C'era un'alta prevalenza di vergenza ed eteroforia verticale, che non sono misure di screening tipiche utilizzate da medici per valutare i pazienti con vertigini. Con un campione di piccole dimensioni, questo studio ha dimostrato la fattibilità di un team interdisciplinare che valuta e tratta pazienti con vertigini in un contesto comunitario. È necessario uno studio più ampio per valutare l'efficacia di OMT / VRT nei pazienti con vertigini.



Fonte:

- Marcel Fraix, Sondos Badran, Victoria Graham, Donna Redman-Bentley, Eric L Hurwitz, Valerie L Quan, Michelle Yim, Mary Hudson-McKinney, Michael A Seffinger

Fonte immagine:

- Shutterstock

Autore:

dott. JACOPO ZAMMARCHI D.O. MROI, M.Sc.

Osteopata e Personal Trainer

Leggi Curriculum

29 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

PRENOTA UNA VISITA

VIENI IN STUDIO

VIA XX SETTEMBRE n.9

ROVATO (BS)

campanello 057

© 2020 Studio iSOS | Via XX Settembre n.9 - 030 9176325 | Privacy